Parrocchie ticinesi, a settembre una raffica di avvicendamenti

Parrocchie ticinesi, a settembre una raffica di avvicendamenti
Una trentina i sacerdoti interessati dall'annuncio giunto oggi dalla Curia in Lugano. Forte osmosi tra Sopraceneri e Sottoceneri. In uscita don Italo Meroni, da 53 anni alla guida della comunità di Arbedo.

Numerosi gli avvicendamenti annunciati oggi - e con effetto dall'inizio di settembre - da fonti della Curia di Lugano per ciò che attiene la cura pastorale di varie parrocchie. Le notifiche sono già state comunicate da monsignor Valerio Lazzeri (nella foto), vescovo di Lugano, alle comunità interessate.

La prima uscita potrebbe fare notizia a sé stante: don Italo Meroni, nella funzione da 53 anni, lascia Arbedo e non assumerà altri compiti; al suo posto don Adam Kowalik, già parroco a Vernate-Neggio-Cimo-Iseo; don Roberto Mingoy, già a Chironico ed a Chiggiogna, diventa parroco di Sant'Antonino e di Camorino, in subentro a don Osvaldo Gaggetta (anno sabbatico). Chironico e Chiggiogna saranno servite da fra Edy Rossi-Peduzzi, in estensione dei compiti già svolti; don Andrea Iskra, già parroco a Brè ed a Gandria, sale ad occuparsi della comunità pastorale di Dongio-Castro-Corzoneso-Largario-Leontica-Lottigna-Marolta-Ponto Valentino-Prugiasco; a don Pavel Antalute la parrocchia di Osogna-Cresciano-Preonzo-Moleno, in subentro a don Adelio Martinoli che andrà a prendersi cura - in qualità di cappellano - della casa anziani di Acquarossa e dell'ospedale di Acquarossa. Nuovo parroco - trattasi di don Michael Straziuso - a Lumino ed a Castione, il cui titolare don Angelo Moioli passerà a Brè-Gandria; in partenza per il “Cammino neocatecumenale” è Juan Pablo Bravo, che lascia pertanto il ruolo di vicario a Giubiasco e che verrà sostituito da don Elia Zanolari.

Ancora: don Luigi Vanzù in uscita dalla parrocchia di Porza e dal ruolo di cappellano al “Civico” di Lugano per ritiro (a Massagno); in subentro don Charles Azanshi, sino ad oggi parroco di Ponte Capriasca-Origlio dove giungerà don Luigi Siamey, partente dalle comunità di Grancia e di Barbengo. Rientro in Ticino per don Daniele Lo Prinzi, già al servizio delle parrocchie di Caneggio-Bruzella-Cabbio-Muggio-Scudellate in una precedente esperienza ed ora vicario a Pregassona al posto di don Petrica Baciu (partente per l'Italia). Al posto di don Imad Haddad, don Kamil Cielinski nuovo collaboratore della parrocchia titolata al Sacro cuore di Gesù in Lugano. Don Adamo Polizzi nuovo vicario a Pambio-Noranco ed a Paradiso, in sostituzione di don Davide Droghini che passa alla guida della parrocchia di Vernate-Neggio-Cimo-Iseo. Don Juan Carlos Tejeda diventa parroco di Bioggio-Bosco Luganese, al posto di don Franco Celletti (sei anni di presenza, nessun nuovo compito).

Dalla Svizzera interna, per il ruolo di cappellano della “Casa Belsoggiorno” in Ascona, giunge don Romualdo Chiavarino, destinato a sostituire don Severino Conti che si ritira al beneficio della pensione. Incremento di impegno per don Dieudonné Diama, che rimane cappellano della “Casa don Luigi Guanella” in Maggia e diventa collaboratore di don Luca Mancuso, parroco di Maggia. Infine: rientro in patria per don Raphaël Kwasi, già collaboratore a Balerna; nuovo vicario a Mendrisio nella persona di don Iustìn “Giustino” Petre, prossimo all'ordinazione sacerdotale (vedasi in altra parte del “Giornale del Ticino”) e che sostituirà don Gerald Ani, in spostamento alla cura delle parrocchie di Barbengo-Grancia ed alla cappellania della “Clinica sant'Anna” in Sorengo.

pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry