Maltrattamenti al “Centro anziani” di Balerna, arriva la condanna

Versione stampabileVersione PDF
Maltrattamenti al “Centro anziani” di Balerna, arriva la condanna
Colpevole, al di là di qualunque dubbio e di qualunque pretesa del legale di parte. Colpevole, l'ora 51enne già assistente di cura resasi responsabile - ed ora lo si può scrivere al netto di qualunque chiacchiera e di qualunque intimazione e di qualunque traccia di intimidazione alla stampa - dei maltrattamenti ad alcuni ospiti del “Centro anziani” di Balerna; come da esito del processo celebratosi oggi alle Assise correzionali in Lugano, giudice Amos Pagnamenta. Fatti in apparenza lontanissimi e circoscritti al periodo settembre 2008-luglio 2011, ma rimasti sul tappeto ad inquinare anche la credibilità dell'istituzione come dimostra il fatto che altri collaboratori della struttura si allontanarono, o furono invitati ad allontanarsi, in tempi successivi. A salvare in parte l'imputata è stata la mano della prescrizione, dal momento che di alcuni casi contestati - e reali - è stato declassato il peso alle mere vie di fatto e con ciò l'addebito è venuto meno; minaccia e coazione ripetuta, invece, sono andate a formare la condanna a 12 mesi (24 erano quelli richiesti dalla procuratrice pubblica Valentina Tuoni; un'assoluzione piena era stata pretesa dal difensore Marco Bertoli) con sospensione condizionale contro obbligo di rimanere in terapia psichiatrica e, cosa più importante, il divieto di svolgere attività professionali con persone in qualunque condizione di conclamata o di potenziale fragilità.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry