Umor nero nelle Borse, lo “Swiss market index” ripiega su quota 9'000

Versione stampabileVersione PDF
Umor nero nelle Borse, lo “Swiss market index” ripiega su quota 9'000
(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 21.39) Giornata all'insegna della secca battuta d'arresto in tutte le Borse mondiali, a partire dall'Europa ed in propagazione di rientro sugli Stati Uniti, per fattori in netta prevalenza geopolitici e pertanto estranei al sistema finanziario. “Swiss market index” in slittamento anche sotto la soglia psicologica dei 9'000 punti ed in chiusura a quota 9'001.60, con flessione contenuta all'1.38 per cento; penalizzato soprattutto il comparto bancario e quello del lusso; nessun valore sopra la linea, “Givaudan Sa” (meno 0.71 per cento) il migliore, sostanzialmente salvi i farmaceutici (“Roche holding Ag”, meno 1.03; “Novartis Ag”, meno 1.12). Dalle altre piazze primarie in Europa: Dax-30 a Francoforte, meno 1.35; Ftse-Mib a Milano, meno 2.31; Ftse-100 a Londra, meno 0.25. Pesantezza a New York, con ultime rilevazioni in profondo rosso (“Dow Jones”, meno 1.51; Nasdaq, meno 2.18). In calo a 109.1 centesimi di franco il cambio per un euro.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry