Filo di nota / Cacciano i granconsiglieri. Occhio al “boomerang”

Versione stampabileVersione PDF
Filo di nota / Cacciano i granconsiglieri. Occhio al “boomerang”
Con una rappresaglia ideologica che riporta le lancette dell'orologio indietro di 20 anni almeno, una parte dei “Verdi del Ticino” ha deciso oggi di liberarsi di altra parte dei “Verdi del Ticino” ovvero di estromettere dalla compagine granconsiliare nientemeno che tre effettivi, al secolo Franco Denti (nella foto), Maristella Patuzzi e Tamara Merlo. Vera e propria cacciata “manu militari”, con il classico giro di parole dal quale si dovrebbe evincere che è stato esperito ogni possibile tentativo per realizzare mediazioni e collaborazioni; nei fatti, espulsione per indisponibilità dei tre “reprobi” ad adeguarsi ad un ritorno all'antico - si parla dell'epoca pre-Sergio Savoia coordinatore - che confinava il movimento a micragnosi riscontri elettorali. Contenti i “Verdi” nel ruolo di cacciatori, ma forse ancor più contenti - per chiarezza fatta - i tre granconsiglieri messi alla porta e che, secondo i loro fustigatori, dovranno “esprimersi esclusivamente come indipendenti” in ogni sede, dalle commissioni all'aula del Legislativo ai luoghi esterni. Sicuri sicuri? Qui c'è odore di musicanti di Brema...
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Ultimi commenti

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry