Sindrome nordcoreana, indici delle Borse europee in ribasso

Versione stampabileVersione PDF
Sindrome nordcoreana, indici delle Borse europee in ribasso
(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 21.07) Preannunciato ieri nelle contrattazioni a Tel Aviv (Tase-35, meno 1.22 per cento) e già confermato sulle Borse asiatiche - le più sensibili per prossimità geografica - il calo sugli indici delle piazze borsistiche europee nell'odierna seduta di contrattazioni, fattori primari le tensioni diplomatiche e militari originate dal dittatore nordcoreano Kim Jong-un sullo scacchiere dell'Estremo oriente. Ansimante per l'intera giornata, lo “Swiss market index” a Zurigo è andato al saldo su quota 8'864.46 punti, con cedimento nella misura dello 0.86 per cento ed in sofferenza soprattutto nei valori del comparto lusso (“Compagnie financière Richemont Sa”, meno 1.45; “The Swatch group Ag”, sulla coda, meno 2.20). Sotto la linea l'intero listino; in difesa i titoli “Abb limited” e “Adecco Sa” (più 0.18 per cento e parità rispettivamente). Dalle altre sedi primarie nel Vecchio continente: Dax-30 a Francoforte, meno 0.33; Ftse-Mib a Milano, meno 0.31; Ftse-100 a Londra, meno 0.36. Sul piede dei 114.0 centesimi di franco il cambio per un euro.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Ultimi commenti

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry