Lugano, una “due giorni” di... caos culturale e collettivo

Versione stampabileVersione PDF
Lugano, una “due giorni” di... caos culturale e collettivo
Intenso il programma dei “Caos days” - “happening” tra associazioni, scuole, studi professionali e collettivi artistici - che Lugano ospiterà sabato 2 e domenica 3 dicembre nella struttura di viale Stefano Franscini a contorno della mostra “Ground-zero”, esposizione di opere realizzate da Robin Bervini, Mirko Carsana, Roberto Gianocca, Mary Bertossi, Timothy Hofmann, Fabio Stefanoni ed altri. Lezioni aperte, presentazioni, degustazioni, attività per bambini ed adulti nel segno di arte, olismo e salute. Fra i momenti qualificanti, letture di poesia con Filippo Balestra, ascolto di vinili a cura di Matteo Marazzi e Mary Bertossi, seminario di disegno con Timothy Hofmann, sessioni di conversazione in lingue varie (compreso il dialetto), sfida di “poetry slam” con Marko Miladinovic.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry