Calcio / Lugano, dall'EuropaLeague un congedo tra gli applausi

Versione stampabileVersione PDF
Calcio / Lugano, dall'EuropaLeague un congedo tra gli applausi
Brillante chiusura del Lugano nell'esperienza 2017 del calcio di EuropaLeague: vittoria (2-1) a Bucarest sugli epigoni dello Steaua Bucarest, partita seriamente gestita per il valore intrinseco - per quanto la squadra fosse già fuori dai giochi per il passaggio del turno, tre punti portano denaro nelle casse della società bianconera - e per il giusto rispetto dell'impegno assunto; cosa non particolarmente gradita dal pubblico dell'“Arena nationala” e fors'anche dalla dirigenza dei rumeni, che per effetto del contemporaneo successo (2-0) del Viktoria Plzen a Bersabea sull'Hapoel Bersabea scivolano al secondo posto in graduatoria. In cronaca, Lugano sùbito avanti (3.o, Fabio Daprelà) ed al raddoppio appena dopo la mezzora (32.o, Bálint Vecséi); dal solo Harlem Gnohéré (60.o) un segno sul tabellino, sterile la prevalenza (57 per cento) nel possesso-palla, non particolarmente impegnato David Da Costa schierato a difesa della porta. Soddisfatto Pierluigi Tami, tecnico dei bianconeri: “Chiudiamo a nove punti in classifica, una quota con cui solo altre due squadre, tra EuropaLeague e Champions' league, non hanno superato il turno; abbiamo battuto tutte e tre le avversarie; ci sono giunte risposte positive anche da elementi come Dominik Kovacic, che negli ultimi quattro mesi si è allenato ma è stato convocato in rare occasioni. Ora abbiamo anche qualche alternativa in più, e cercheremo di sfruttare tali opzioni in campionato”.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry