Calcio Dna / Lugano, quarto “stop” di fila. Ora è allarme rosso

Versione stampabileVersione PDF
Calcio Dna / Lugano, quarto “stop” di fila. Ora è allarme rosso
Caragrazia che il Basilea, per quanto al 99 per cento già rassegnato all'abdicazione a favore dello Youngboys, in qualche modo ha portato a casa uno striminzito 1-0 sul Sion; caragrazia, perché proprio dalla permanente crisi di risultati dei vallesani - oggi ritrovatisi ultimi in solitaria nel calcio di Divisione nazionale A, per effetto del concomitante 0-0 interno del Thun con il Losanna - dipende il provvisorio margine di sicurezza della concorrenza. Sta di fatto che il Lugano è fermo come un paracarro sul ciglio della strada, e che proprio poco è da salvarsi nella quarta sconfitta consecutiva, 1-2 sul campo di Cornaredo contro il Lucerna che invece vola nei territori da qualificazione europea: quattro tiri in tutto nello specchio della porta avversaria, l'1-1 rimediato da Carlos Alberto de Souza “Carlinhos” Júnior al 71.o come risposta al vantaggio degli ospiti su numero di Pascal Schürpf (41.o), goal della vittoria ancora da Pascal Schürpf al 76.o sullo sviluppo di azione in cui il compagno Shkelqim Demhasaj aveva appena colpito un palo, se non è zuppa è pan bagnato; da taccuino anche l'espulsione di Jetmir Krasniqi al 93.o e la prestazione non propriamente convincente di Joël Kiassumbua tra i pali (dichiarato indisponibile David Da Costa, ancora in fase di tesseramento il neoacquisto Noam Baumann). Gli altri risultati: San Gallo-Grasshoppers Zurigo 2-1 (ieri); Zurigo-Youngboys 1-2 (ieri). La classifica: Youngboys 61 punti; Basilea 45; San Gallo 42; Lucerna 37; Zurigo 35; Grasshoppers Zurigo, Lugano 31; Losanna 28; Thun 25; Sion 24 (Basilea, Zurigo una partita in meno).
pizza piazza locarno
casa riazzino
lugachange
badante
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry