Calcio Dna / Suicidio Lugano, buttato al vento un punto d'oro

Calcio Dna / Suicidio Lugano, buttato al vento un punto d'oro
Fuochi d'artificio ma - e di nuovo - un'occasione sprecata dal Lugano, questa sera, per mettersi al riparo da sorprese sgradite nella lotta per evitare la retrocessione dalla Divisione nazionale A del calcio elvetico: a Zurigo, ospiti del Grasshoppers Zurigo, i bianconeri escono sconfitti per 3-4, vengono raggiunti dagli avversari diretti, assistono nel frattempo al sorpasso da parte del Thun (vittorioso per 1-0 a San Gallo) e si trovano quindi ad aspettare con qualche preoccupazione l'esito di Sion-Basilea e di Youngboys-Losanna, entrambi incontri in programma domani. Frustrato all'88.o, per la firma di Kenan Kodro alla tripletta personale, tanto impegno nel produrre non una ma due rimonte: in cronaca, padroni di casa avanti con Marco Djuricin (25.o), raggiunti da Carlos Alberto de Souza “Carlinhos” Júnior (38.o), in volata sino al 3-1 (Kenan Kodro, 48.o e 61.o), ripresi sull'accoppiata tra rigore del citato Carlos Alberto de Souza “Carlinhos” Júnior (69.o) ed autorete di Aleksandar Cvetkovic (87.o); infine la doccia fredda, che ancor più sconcertante diventa considerandosi il numero dei tiri subiti nello specchio della porta, ovvero... quattro in tutto l'incontro. Gli altri incontri: Lucerna-Zurigo (domani). La classifica: Youngboys 69 punti; Basilea 58; San Gallo 45; Lucerna 43; Zurigo 40; Thun 36; Grasshoppers Zurigo, Lugano 35; Sion, Losanna 31 (San Gallo, Thun, Grasshoppers Zurigo, Lugano una partita in più).
pizza piazza locarno
casa riazzino
lugachange
badante
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry