Aria grama nei quotidiani svizzeri, in Romandia chiude “Le Matin”

Aria grama nei quotidiani svizzeri, in Romandia chiude “Le Matin”
Non si arresta la falcidie nell'editoria quotidiana: analogamente a quanto avvenuto nelle scorse settimane al “Giornale del popolo”, annunciata oggi la soppressione del cartaceo al “Matin”, realtà presente da 34 anni in tale forma (in precedenza era “La Tribune de Lausanne” e punto di riferimento dell'informazione nella Svizzera romanda con accreditati 218'000 lettori ogni giorno. Sommerso dai debiti - perdite di oltre 20'000 franchi per edizione, ovvero sei milioni di franchi l'anno - per una testata che ebbe i tempi migliori nel periodo 1991-2000, l'editore “Tamedia” procederà al licenziamento di gran parte dei dipendenti: 45 i posti di lavoro in pericolo nella sola produzione (redazione e poligrafici); a questi sono da aggiungersi gli amministrativi, per un totale di circa 50 collaboratori sotto scacco. Dopo una prima “deadline” fissata a domenica 22 luglio, il quotidiano potrebbe tuttavia rimanere presente con la sola edizione su InterNet.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry