Lavertezzo, non ce l'ha fatta la donna finita sott'acqua nella Verzasca

Lavertezzo, non ce l'ha fatta la donna finita sott'acqua nella Verzasca
(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 9.25) Sul responso dei medici, al pari di quanto era accaduto due mesi addietro nella stessa zona e con dinamica affatto simile, il punto fermo che toglie ogni speranza. È deceduta nella notte in ospedale, nonostante il prodigarsi dei sanitari, la 43enne che intorno alle ore 12.50 di ieri era finita sott'acqua nella Verzasca in zona Aquino del Comune di Lavertezzo ed era stata recuperata e portata a riva da altri bagnanti solo in corrispondenza del “ponte romano”. Secondo quanto risulta al “Giornale del Ticino”, la vittima si chiamava Elvis Fistha, nata in Albania ed abitante a Cadorago (Como, Italia), coniugata da 15 anni e diventata cittadina italiana. Pare che la donna, pur sottoposta sin dal primo momento alle procedure di rianimazione, non abbia mai ripreso coscienza. In corso gli accertamenti di rito sulle cause della morte: annegamento per ingestione e/o inalazione di acqua la prima ed ovvia ipotesi, ma non è da escludersi una perdita di conoscenza a causa di trauma per urto contro uno sperone roccioso nel momento in cui il corpo della 43enne è stato trascinato via dalla corrente. L'ultimo e tragico precedente in Verzasca risaliva a lunedì 11 giugno: a perdere la vita una 42enne, Viviana Conte, cittadina italiana originaria di Leverano in provincia di Lecce e residente a Milano.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry