La corte ha deciso: fu errore medico, colpevole Piercarlo Rey

La corte ha deciso: fu errore medico, colpevole Piercarlo Rey
Falsità in documenti e lesioni colpose gravi, quindi condanna alla detenzione per otto mesi e tuttavia con sospensione condizionale in periodo di prova per due anni. Piercarlo Rey, medico chirurgo in Sorengo e specialista in ginecologia, è stato condannato oggi al termine del processo celebrato alle Assise correzionali di Lugano e nel quale al professionista era stato contestato un episodio ormai entrato nella storia della cosiddetta “malasanità” in Ticino: la mastectomia bilaterale effettuata nel luglio 2014 su una paziente ricoverata alla “Clinica sant'Anna” di Sorengo e che avrebbe dovuto subire invece l'asportazione di un solo seno. L'intervento fu viziato da un clamoroso errore - fu eliminato il seno sano, e per questa ragione venne poi rimossa anche l'altra mammella: fatto “ingiustificabile”, secondo la valutazione espressa tempo addietro in sede di Commissione di vigilanza sanitaria - di cui in aula lo stesso Piercarlo Rey ha accuratamente evitato di assumersi la responsabilità, sostenendo non essere suo dovere tale accertamento. L'entità della condanna pronunciata dal giudice Amos Pagnamenta, e contro la quale verrà interposto appello, è superiore a quanto richiesto dal procuratore pubblico Paolo Bordoli ovvero multa di 3'000 franchi e 120 aliquote giornaliere da 470 franchi l'una, esattamente quanto figurava nel decreto d'accusa cui Piercarlo Rey aveva deciso di opporsi. Ma la vicenda, come si vede, non finirà qui.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry