Penuria d'acqua, Torricella-Taverne in odore di emergenza

Penuria d'acqua, Torricella-Taverne in odore di emergenza
In prestito dall'italico vate Arnaldo Fusinato scledense, ed in parziale parafrasi: regna la penuria, la carenza infuria, l'acqua ci manca, ma Torricella-Taverne non sventola bandiera bianca. Non la sventola, anche se le autorità confermano oggi perplessità ed allarme: resta ai minimi dell'accettabile, nel senso che in trasparenza si vede quasi il fondo dei serbatoi, la disponibilità di acqua potabile per l'utilizzo da parte dei cittadini, invitati di bel nuovo e con urente preoccupazione ad un uso “particolarmente parsimonioso e responsabile”. Senza mezzi termini: “Situazione di emergenza per la perdurante e quasi totale assenza di pioggia, e dalle previsioni non risulta che qualcosa cambierà nei prossimi giorni”. Provvedimenti a monte? “I tecnici dell'“Azienda acqua potabile” sono all'opera per limitare le conseguenze”, ma evidente è il rischio di transitare alle brevi verso la fase critica. Regole, quindi, in reiterazione di quelle proposte giusto due mesi or sono: a) ridurre al minimo indispensabile i consumi, soprattutto tra le ore 22.00 e le ore 5.00; b) vietato l'uso dell'acqua per l'irrigazione di campi e giardini e per il lavaggio di autoveicoli.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry