Mendrisio, alla “Züst” un tuffo tra le “Divine creature”